Perdita di capelli

TRATTAMENTO PERDITA DI CAPELLI / TRAPIANTO DI CAPELLI (FUE)

Behandlung Haarausfall

 

Perdita di capelli donna / Perdita capelli uomo

Le cause dell’alopecia androgenetica sono di natura ormonale o di predisposizione genetica. Nell’uomo la calvizie dipende da una maggior sensibilitá del capello a ormoni androgeni.

Nella donna puó essere causata da un eccesso di ormoni maschili o da un’eccessiva sensibilitá del capello pur in presenza di livelli di ormoni maschili assolutamente normali.

 

Trattamento perdita di capelli con PRP

 

Il plasma ricco di piastrine o gel piastrinico (PRP, Platelet-rich plasma) è un emoderivato per uso non trasfusionale: è un concentrato di piastrine autologo, ottenuto mediante centrifugazione del sangue e caratterizzato dalla forte concentrazione di fattori di crescita con un kit speciale chiuso. Questo kit é uno dei kit piú moderni sul mercato con una cifra di fattori di crescita elevato. Generalmente il PRP ha la capacità di stimolare la rigenerazione dei follicoli dei capelli!

 

Trattamento perdita di capelli

Con il nostro protocollo medico abbiamo una rivoluzionaria possibilitá di trattare la perdita di capelli usando microinesti propri preparati senza fattori esterni aggiunti e in ambito di terapia ambulatoriale.

Microinest propri dei capelli significa:

  • Non servono microinesti o fattori artificiali fatti in laboratorio
  • I microinesti sono del proprio corpo e vengono reimpiantati
  • Il sito di prelievo dei microinesti é nascosto quindi é invisibile

 

Le cause della perdita di capelli

La colpa è del DHT, un ormone derivato dal testosterone presente nel nostro organismo il quale attraverso un enzima chiamato “5 alfa reduttasi” si trasforma in DHT. I nostri capelli nascono dai bulbi, chiamati tecnicamente unità follicolari. Quando il DHT entra in contatto con i bulbi e penetra attraverso dei recettori all’interno delle unità follicolari ne causa il progressivo restringimento, riducendo via via lo spessore e la lunghezza di capelli fino a causarne la mancata ricrescita e di conseguenza la calvizie.

La tecnica Fue, utilizzata dal Dott. Larcher e il Suo Team, sfrutta una  questione genetica: alcuni follicoli presenti nella zona parietale ed occipitale sono immuni all’azione del DHT perché non hanno i recettori di questo ormone. Sarà proprio questa area donatrice a rendere possibile l’autotrapianto di capelli con tecnica FUE. E a farti finalmente dire addio ai tuoi problemi di calvizie, grazie alla tecnica FUE che farà ricrescere i capelli in modo naturale e senza bisturi, cicatrici e segni sul cuoio capelluto.

 

Trapianto di capelli con tecnica FUE nel 2021 come funziona

Hai problemi della calvizie e vuoi riacquistare la tua capigliatura di un tempo? L’alopecia androgenetica femminile e maschile non solo comporta un cambiamento nell’immagine, ma agisce anche sulla propria autostima. Gli aspetti psicologici della calvizie non sono affatto da sottovalutare, perché spesso si traducono in ansia e depressione. All’impatto negativo sull’umore si aggiunge anche la credenza sbagliata di non essere in grado di trovare una soluzione definitiva al problema.

Come funziona l’impianto di capelli senza cicatrici?

Risultato naturale, nessuna cicatrice visibile e post intervento rapido e indolore: è la tecnica FUE (Estrazione di Unità Follicolari), utilizzata con successo in tutto il mondo. Il trattamento consiste nell’impianto di follicolo per follicolo. Cosa significa l’autotrapianto? L’estrazione e il reinserimento dei follicoli dello stesso paziente. In questo modo i capelli torneranno a crescere completamente naturale. Semplicemente perché sono i propri bulbi, prelevati però da una zona donatrice “sana”, generalmente la nuca e i lati del capo, cioè quelle parti del cuoio capelluto che non sono affette da alopecia. Usando la tecnica FUE puoi trapiantare barba, baffi, sopracciglia e ciglia. L’età consigliata per l’autotrapianto di capelli è 18-80 anni, si può farlo anche senza rasatura.

Il trapianto di capelli inizia con una pianificazione personalizzata a seconda del tipo di alopecia. L’equipe medica che seguirà passo passo il trattamento effettuerà una scrupolosa valutazione della tua situazione. Il percorso dell’autotrapianto di capelli inizia con anestesia locale del cuoio capelluto, affinché il paziente non avverta la già eventuale minima sensazione di dolore e si senta a suo agio. Vengono utilizzati degli anestetici locali, in piccola quantità, per da evitare il gonfiore del cuoio capelluto.

Successivamente, utilizzando il micro motore con punch molto piccoli, vengono estratti i bulbi dalla zona donatrice. I bulbi vengono prelevati in piccoli gruppi, da 1 a 4 bulbi, attraverso dei microsolchi quali prelevano porzioni minuscole di pelle, dette “innesti”. La cute interessata da questi prelievi viene trattata con lubrificanti o lozioni idratanti i quali accelerano il processo di guarigione.

Gli innesti estratti vengono reimpiantati nella zona “ricevente” affetta da alopecia, con l’aiuto di una pinzetta. Per far aderire i follicoli al massimo, il trapianto di capelli deve essere eseguito molto rapidamente, ma allo stesso tempo con grande cura, per collocare gli innesti nel corretto orientamento, rispettando l’angolazione e la direzione naturale.

La durata dell’intervento

Pertanto, l’autotrapianto di capelli può essere eseguita da 2-3 medici allo stesso tempo. Sebbene si tratti di un intervento chirurgico, non viene utilizzato alcun bisturi, in più nessuna cicatrice e nessun segno restano sul cuoio capelluto. Il tempo dell’intervento può variare dalle 4 alle 7 ore, a seconda del numero dei bulbi necessari a coprire la zona affetta da calvizie.

Sulla zona donatrice viene applicata una fascia che rilascia gradualmente delle sostanze lenitive, le quali aiutano la pelle a rigenerarsi. La benda deve essere indossata per 2-3 giorni. Le aree micro-perforate guariscono entro pochi giorni. Al loro posto, sulla base dei bulbi trapiantati, compaiono delle piccole crosticine, le quali vanno via tra una settimana. Dopo 24 ore il paziente potrà tornare a svolgere le sue normali attività lavorative. E’ molto raro che sorgano delle complicanze dopo l’autotrapianto di capelli FUE: nel periodo successivo potrebbero manifestarsi piccoli gonfiori o disagi, che scompaiono tra qualche settimana.

Nel frattempo si possono riprendere le normali attività di tutti i giorni. I primi risultati saranno evidenti dopo poco tempo: la ricrescita di capelli avviene a partire dal terzo mese in poi per arrivare al 5/6 mese quando ogni nostro cliente potrà apprezzare la sua capigliatura di circa due centimetri. Il risultato dell’autotrapianto di capelli è definitivo e permanente.

 

Per prenotare una prima visita e concordare un trattamente contattate l’ambulatorio privato del Dott. Lorenz Larcher a Bolzano